SEGUICI ANCHE SU
Twitter
Youtube
Facebook
Instagram
Snapchat
Home   >>  Blog   >>  La settimana di Rachele | Il mio Festival: l'Ariston, La Vita in Diretta, il dopo Festival, Casa Sanremo

09-02-2017 - "Due giornate da sogno e di grande eleganza"
E red carpet sia! Parlo di quello del teatro Ariston dove ieri sera sono arrivata puntuale alle 20, sotto una pioggia leggera che nemmeno ho avvertito, tante erano le luci, le voci, le televisioni che annunciavano in diretta la mia presenza e tanti gli applausi di chi mi ha subito riconosciuta. Indosso un abito importante, un capo unico di Prunus Avium. Forse il più elegante tra quelli che sono riuscita a intravedere nella hall del teatro. La passeggiata che porta all'ingresso, mentre mi fotografano in tanti, è davvero magica e il bel tappeto rosso sembra non finire mai. Anzi vorrei che si prolungasse chissà per quanto tempo. Ragazzi, amiche, sto entrando nel tempio della canzone italiana!
Mi salutano in tanti e tutti - ormai è moda, piccola, piacevole mania - mi richiedono un selfie o comunque di farsi fotografare con me.
Saluto Maurizio Pagnussat: sta correndo a curare la giuria dello spettacolo che sta per cominciare dopo avermi ricordato che per tanti anni è stato il regista delle finali di Miss Italia. Molte altre persone, che mi sembra di conoscere o di aver visto da qualche parte, in TV, forse, al cinema o in qualche fiction, si affrettano per raggiungere il proprio posto. 
Dentro, il teatro è bellissimo. Guardo il palco con ammirazione e soggezione,  pensando ai grandi cantanti e a tutti i  personaggi che hanno calcato quella scena. Sembra ti risentire le loro voci. Le telecamere e tutte le attrezzature della Rai, che coprono un settore della sala, ci ricordano che, in pratica, l'Ariston è anche uno studio televisivo. Sono nelle primissime file, a ridosso del palco,  e il clima è quello di una 'prima' teatrale di grande lustro. Maria De Filippi mi passa accanto mentre distribuisce, per gioco, un portachiavi con una figurina di Conti. 
Eccolo, Carlo, si comincia. Si raccomanda di fare tifo, come allo stadio, e il pubblico che ha esaurito i posti, sia in platea che in galleria, non si fa pregare. Non ci si può in pratica muovere dalle nostre posizioni e rimango così cinque ore, affascinata da tutto ciò che si muove davanti ai miei occhi, inquadrata dalla TV, come mi dicono con i messaggi le mie amiche, e con il sostegno di Patrizia Mirigliani che ha curato alla grande questa mia esperienza sanremese. Tengo tutto in mente perché una serata così è da raccontare in ogni particolare. Scrivo questo appunto alle 3 del mattino. È stata una giornata faticosa e incantevole, dallo studio della "Vita in diretta" con Cristina Parodi e Marco Liorni, gentilissimi e bravi, ai preparativi per la serata dell'Ariston svolti a "Casa Sanremo", la bellissima sede creata e allestita da Vincenzo Russolillo al Palafiori, al dopo Festival a Villa Ormond. Anche qui erano presenti molti cantanti e, allora, il via ai selfie - una volta tanto - l'ho lanciato io. Eccomi con Marco Masini, Gigi D'Alessio, Chiara Galiazzo, Sergio Sylvestre, Francesco Gabbani, i giovani promossi, tra i quali un cantante di Prato la città dove sono nata, Francesco Guasti. Ma ormai è quasi l'alba. 
 
LEGGI GLI ALTRI POST
12-10-2016 - Cara Alice, ti abbraccio anch’io. Anch’io desidero unirmi ai tuoi amici che in questo momento fanno lieti...
27-09-2016 - L'omaggio di Miss Italia Rachele Risaliti ai 40 anni di Francesco Totti La Miss in visita alla redazione del...
30-08-2016 - Ieri è ufficialmente iniziato il conto alla rovescia per i miei ultimi giorni da Miss Italia in carica, la...
19-03-2016 - "Ho sempre desiderato vestirmi da eroe, ma i vestiti di mio padre mi vanno larghi". È il primo uomo...
08-03-2016 - L’8 marzo è quel giorno in cui ricordiamo di celebrare le donne, la loro forza, la bellezza dell’animo...
22-02-2016 - Roma si candida a ospitare i Giochi Olimpici estivi nel 2024 e il movimento sportivo italiano non può che mettersi...
14-02-2016 - Le pagine del 2016 scorrono via veloci e si fermano oggi su San Valentino. Ha senso che debba essere un giorno...
27-01-2016 - Oggi il mondo intero si ferma per celebrare la Giornata della Memoria. La barbarie, il dolore e la sofferenza...